ARPINO

Arpino (ovvero Arpinum nei tempi classici) si pensa derivi dal fatto che il paese visto dall’alto presenta una forma che ricorderebbe quella di un’arpa.

E’ un centro che vanta importanti ricchezze sia culturali che storiche. Inoltre vanta anche dei “figli” illustri come Gaio Mario e soprattutto il politico e filosofo romano Marco Tullio Cicerone.

Per le sue mura fortificate, nell’Alto Medioevo, ne fecero un centro di rifugio e difesa dalle invasioni barbariche. Nella sua cinta di mura poligonali, dette “ciclopiche” e datate al XIII secolo a.C., si apre una singolare porta nota come “arco a sesto acuto”, unico al mondo.

Da Vedere:

Acropoli e Arco a Sesto acuto (unico al mondo)

L’Acropoli di Arpino è uno dei più importanti siti archeologici dell’architettura megalitica del basso Lazio, oltre che per l’estensione anche per l’antichità risalente infatti al VII secolo a.C.

Conosciuta anche come Civitas vetus,  Civitavecchia, vanta una delle cinte murarie, in opera poligonale, meglio conservate in epoca preromana. Di significativa importanza è la presenza di un arco a sesto acuto unico nel suo genere, tipico arco a mensola, che viene a costituire una porta cosiddetta scea. Queste porte, dal latino scaevus “sinistro”, non si aprono frontalmente ma di lato, e precisamente sul alto sinistro.

Torre di Cicerone

Nel mezzo dell’Acropoli la Torre di Cicerone, una costruzione medievale che si pensa siano i resti della residenza di Marco Tullio Cicerone, originari odi Arpino.

 

  • Mura Megalitiche
  • Decumano Romano
  • Chiesa e Monastero benedettino di S. Andrea Apostolo con Crocifisso trecentesco
  • Chiesa della Pietà
  • Chiesa di S. Michele con dipinti del “Cavalier d’Arpino”
  • Castello di Ladislao
  • Palazzo Iannuccelli
  • Chiesa della S.S. Trinità
  • Dipinti del Cavalier d’Arpino nelle varie chiese
  • Casa natale del Giuseppe Cesari “Il Cavalier d’Arpino”
  • Sculture del M.o Umberto Mastroianni nei vari angoli del paese
  • Fontana dell’Aquila Romana (rinascimentale)
  • Biblioteca ciceroniana
  • Antiquarium
  • Porta Napoli
  • Libro di Pietra
  • Il Martirologio dell’Assunta
  • Museo della Liuteria
  • Fondazione Umberto Mastroianni
  • Museo della lana
  • Museo dell’Arte Tipografica
  • Area wilderness”Monte Caira-Gole del Melfa”e “Gole del fiume Melfa”
  • Biblioteca comunale

Photo Credits ©Mirko Dell’Unto e Barbara Giuggiola

1 Comment

  1. vincenzo olivieri ha detto:

    Tutto bello…veniamo sicuramente il 5 giugno, con la speranza che i nostri anziani non si stanchino troppo. Grazie per le belle foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *